Cerca

Camera 1

- +
- +

Aggiungi camera

Camera 2

- +
- +

Aggiungi camera

Camera 3

- +
- +

Aggiungi camera

Camera 4

- +
- +

 

A/R Solo andata
Adulti
Bambini
Neonati

Camera 1

- +
- +

Aggiungi camera

Camera 2

- +
- +

Aggiungi camera

Camera 3

- +
- +

Aggiungi camera

Camera 4

- +
- +

 

Sardegna

Questa terra non assomiglia ad alcun altro luogo. Incantevole spazio intorno e distanza da viaggiare”.  D.H. Lawrence, il grande scrittore inglese non vi vide nulla di finito, nulla di definitivo, eppure era un continente quell’isola. Terra dai contrasti violenti, come quello del Supramonte, l’impervio massiccio montuoso che si tuffa in un mare cristallino difficile da raccontare.

Stretta tra l’universo del lusso e dei magnati che affollano la Costa Smeralda e l’arcaicità delle sue tradizioni così vive nella Barbagia. Sardegna granitica di giganti dallo sguardo imperscrutabile come quelli di Mont’e Prama ed enigmatiche costruzioni di pietra, i nuraghi. Isola ruvida, di maschere come i mamuthones che spaventano e ammaliano allo stesso tempo durante il carnevale, che qui dura più di un mese. Sardegna estiva di spiagge bianche chilometriche da La Cinta sulla costa orientale alle maestose dune di Piscinas affacciate a ovest, Costa Rei e Chia scendendo verso sud.

Prova il Cannonau, vino  forte dal colore più nero che rosso, e lasciati stregare. Tra i profumi della macchia mediterranea e i sapori di una grande tradizione, perdersi nell’azzurro del suo cielo sarà questione di attimi.

Civiltà, quella nuragica naturalmente. Una delle storie perdute più misteriose e affascinanti del Mediterraneo, che va a braccetto con Stonehenge e l’antico Egitto. Civiltà che ha generato una cultura solida come il granito. La lingua sarda parlata con orgoglio in molte zone dell’isola va di pari passo con la tradizione dei costumi, con la vita agreste e l’artigianato tradizionale. Paesi sorprendenti come Orgosolo con i suoi colorati murales. Grandi eventi identitari come Sant’Efisio a Cagliari, la Cavalcata a Sassari e il Redentore a Nuoro. Stilisti come Antonio Marras che riprendono l’antica arte del panno e del velluto e ne fanno haute couture. Tra i borghi di Barbagia, invece, tutto l’anno non manca occasione per ascoltare i suoni apotropaici del canto a tenore (Patrimonio Unesco).

Hai presente le carni tenere di un maialetto da latte cresciuto allo stato brado sul Supramonte? Innaffiale con un vino di uve autoctone e rigenera i tuoi sensi. A fine pasto un liquore estratto dalle bacche di mirto saprà aiutarti a digerire, ma anche a fare tuo il profumo mediterraneo di questa terra. Mettici poi il formaggio più fresco col miele più dolce e otterrai un sole di pasta finissima che trovi solo qui, si chiama seada ed è il dolce sardo per eccellenza. Resetta la tua idea di pane, lo troverai finissimo, friabile e salato come un foglio di carta: l’inimitabile pane carasau. Se preferisci cibo di mare, il consiglio obbligato è di assaggiare la deliziosa bottarga di muggine di Cabras. A Cagliari non perderti gli spaghetti coi ricci e corri ad Alghero per una memorabile aragosta alla catalana.

Portati una valigia in più, qui si fa sul serio. L’isola pullula di occasioni ghiotte per gli amanti dello shopping di qualità. L’artigianato sardo non è solo quello tradizionale, i motivi millenari che decorano tappeti e costumi come “Sa Burra” di Sarule sono stati rivisitati da artisti e designer, per diventare preziosi capi eleganti e di carattere da indossare in tutte le situazioni. Conserva spazio per portare a casa una maschera fatta da un artigiano di Ottana e non perderti l’oreficeria tradizionale: tra filigrana di Dorgali e corallo di Alghero la scelta è ampia.

I Centri Isola raccolgono il migliore artigianato locale e si trovano nelle principali città e località turistiche.

Dune sahariane e atolli caraibici. Risaie e massicci, faraglioni e pianura. I paesaggi sardi sono davvero vari. Forse non lo sapevi, eppure – anche se la vetta più alta si avvicina ai 2 mila metri – nell’isola può far freddo eccome. E ogni inverno cade la neve! In un unico posto, a Fonni, è possibile sciare. Hai capito bene: sciare nell’isola delle vacanze! Canyon e grotte, doline e torrenti sono vie privilegiate per scoprire il Supramonte, mentre battelli in stile Mississipi solcano il Flumendosa. Innumerevoli sono i borghi di case in terra cruda e vicoli circondati dal granito, mentre la macchia mediterranea colora il paesaggio e profuma l’aria di mirto ed elicriso.

I sardi usano la loro isola 365 giorni l’anno come un’autentica palestra a cielo aperto.

Le coste baciate dal sole tutto l’anno sono il set ideale per chi ama fare canoa e stand-up paddle, mentre i venti che soffiano costantemente sono materia prima preziosa per fare surf e vela. Il surfista che ha cavalcato l’onda più alta del mondo è sardo, così come sardo è il velista che ha tentato il giro del mondo in solitaria. La Sardegna è anche l’isola dei cavalli, infatti i fantini  più blasonati delle gare di equitazione di sua maestà – nonché i preferiti dagli sceicchi arabi – sono sardi. Infine, anche gli amanti delle bici troveranno qui pane per i loro denti: la più grande ciclovia italiana sta per partire da qui.

Se per benessere intendete una natura pressoché incontaminata e tramonti incantevoli, siete nel posto giusto. La Sardegna è una delle blue zone, ovvero uno dei posti in cui si vive più a lungo al mondo. Merito del buon cibo, della vita semplice o dell’aria buona? Provalo di persona. Riconciliarsi con la natura mentre il sole sorge e illumina le pietre millenarie di dolmen e menhir non può che essere rigenerante. Con un bagno alle antiche terme romane di Fordongianus e una notte sotto il cielo stellato, il relax è assicurato!

Eventi culturali come Sant’Efisio, festival letterari come l’Isola delle storie, rassegne musicali come Time in jazz, il cinema d’estate nell’incantevole scenario delle isole di Tavolara, la Maddalena, l’Asinara e Carloforte, meritano davvero.

Ma se cerchi movida cittadina, Cagliari, Sassari e Alghero fanno al caso tuo. Qualunque sia il periodo dell’anno che sceglierai, l’isola saprà intrattenerti con i suoi eventi, le mostre del Man a Nuoro, i dj set alla moda sulla costa est da Palau a San Teodoro e le oltre mille feste di paese in tutta l’isola.

Sacro e pagano si fondono nei carnevali, nei grandi eventi identitari e nei riti della Settimana Santa. La spiritualità qui è fatta di piccoli santuari campestri spuntati non si sa come lontano da tutto. Sono luoghi che accolgono pellegrini e camminanti, nonché la meta finale di appassionanti trekking a spasso per l’isola.

Passa il mouse sulla mappa per scoprire le destinazioni della regione

sardegna

Le eccellenze regionali

Le destinazioni in regione

Costa Smeralda
scopri
Cagliari & Golfo degli Angeli
scopri
Alghero & Riviera del Corallo
scopri