festa di san biagio maratea
Cerca
Check in
Check out

Camera 1

- +
- +

Aggiungi camera

Camera 2

- +
- +

Aggiungi camera

Camera 3

- +
- +

Aggiungi camera

Camera 4

- +
- +

A/R Solo andata
Adulti
(12+)
Bambini
(2-11)
Neonati
(0-23m)
Andata il
Ritorno il
Partenza
Ritorno

Camera 1

- +
- +

Aggiungi camera

Camera 2

- +
- +

Aggiungi camera

Camera 3

- +
- +

Aggiungi camera

Camera 4

- +
- +

oppure clicca qui
crea il tuo viaggio su misura

Festa di San Biagio patrono di Maratea

05/05/2018 - 13/05/2018

La seconda settimana di maggio Maratea festeggia il suo protettore: San Biagio, vescovo e martire di Sebastopoli, le cui reliquie sarebbero arrivate in questa zona (secondo la tradizione, nell’Isola di Santo Janni) dall’Oriente nell’VIII secolo.

La festa, di origine seicentesca, si svolge tra processioni e riti di grande devozione popolare tra la chiesa di Santa Maria Maggiore a Capocasale (l’antica Maratea inferiore) e la località Castello (Maratea superiore), sul monte che dalla basilica di San Biagio, qui costruita, ha preso il nome. La statua del santo, coperta interamente da un mantello rosso porpora che simboleggia il martirio e la carica vescovile, è portata in processione dal monte alla zona più bassa del paese, nella chiesa parrocchiale, dove, dopo la liberazione dal mantello e la consegna delle chiavi della città da parte del sindaco, rimane qualche giorno per le celebrazioni eucaristiche e altre suggestive processioni nella città addobbata a festa dalle luminarie. L’ultimo giorno San Biagio ‘torna al Castello’, nella sua basilica in cima al monte, nel tripudio generale che dà il via ai festeggiamenti civili, tra fuochi d’artificio e musica in piazza.

Si è verificato un errore.
Se vuoi, puoi provare nuovamente.