Cerca
Check in
Check out

Camera 1

- +
- +

Aggiungi camera

Camera 2

- +
- +

Aggiungi camera

Camera 3

- +
- +

Aggiungi camera

Camera 4

- +
- +

A/R Solo andata
Adulti
(12+)
Bambini
(2-11)
Neonati
(0-23m)
Andata il
Ritorno il
Partenza
Ritorno

Camera 1

- +
- +

Aggiungi camera

Camera 2

- +
- +

Aggiungi camera

Camera 3

- +
- +

Aggiungi camera

Camera 4

- +
- +

Salento

Come arrivare

In aereo

L’aeroporto più vicino è quello di Brindisi (BDS), che dista 6 km dal centro cittadino e circa 35 km da Lecce. Presente un servizio di bus e navette per Lecce e altre destinazioni salentine. in alternativa potete arrivare all’aeroporto di Bari (BRI).

In treno

La rete ferroviaria leccese, con Trenitalia, ha collegamenti diretti con le maggiori città nazionali, tra le quali Roma, Milano, Torino, Bologna e le maggiori città adriatiche e calabresi.

In auto

Autostrada A16, uscita Bari Nord; da Bari, superstrada Brindisi-Lecce.

In pullman

Con Flixbus, tratte scontatissime da tutte le città d’Italia e d’Europa, da e per il Salento.
A Lecce il ritrovo è presso l’Airport City Terminal posto all’ingresso Nord della città.

Come muoversi

In autobus

Il servizio ‘SalentoinBus’ collega Lecce con le principali località balneari della costa ionica, come Gallipoli, e adriatica. Il servizio, attivo da giugno a settembre, si articola su 9 linee principali.

In treno

Per arrivare da Lecce a Gallipoli, Otranto e Santa Maria di Leuca si utilizzano le Ferrovie Sud-Est, con cui si raggiungono anche altre località balneari in estate.

In auto e scooter

Possibilità di noleggio auto e scooter negli aeroporti e nelle principali località turistiche.

In bicicletta

Il Salento è caratterizzato da una fitta rete di ciclovie (le ‘Vie verdi di Puglia’) che consentono di spostarsi su due ruote su strade secondarie, evitando il grande traffico. La sua conformazione pianeggiante lo rende particolarmente adatto al cicloturismo.

Periodo consigliato

Primavera

Clima molto gradevole per visitare i borghi e passeggiare in campagna. In aprile c’è l’importante Festival del Cinema Europeo a Lecce.

Estate

Con quelle magnifiche spiagge, quel mare e quel sole, il periodo clou del Salento. Inoltre, un susseguirsi di eventi molto interessanti, tra i quali spicca la Notte della Taranta a Melpignano, con il gran concerto finale in agosto.

Autunno

Temperature ancora miti e molti meno turisti, più relax e più spazio in spiaggia mentre il sole ancora scalda. Ci sono eventi importanti come quello letterario de La Città del libro o quello di arti e culture Alba dei Popoli a Otranto.

Cosa mettere in valigia

Un bel cappello per il sole, che in questa zona splende sempre in modo intenso; una crema solare per godere al meglio di un’ottima abbronzatura; vestiti leggerissimi per scatenarsi con i balli popolari.

Budget

Dormire

Il fascino di dormire nelle masserie. Ci sono sia di tipo classico che rural-chic con costi che lievitano. Il Salento ha opportunità per tutte le tasche con tariffe minime in b&b a 25€.

Mangiare

Da Angiulino a Lecce, primi piatti a 5€ in tipica trattoria, da Zenzero ingredienti a km 0 con ricette e menù vari a meno di 10€. Se si vuole alzare il livello, Casale Ferrovia a Carovigno, Osteria Terra Masci a Marina di Leuca o l’Antica Osteria La Sciabica a Brindisi.

Muoversi

Noleggio bici 3€ per 1 ora, 15€ per un giorno, 40€ per 3 giorni. Col bus (SalentoinBus) da 1,70€ a 5€ circa per ragguingere i vari paesi sulla costa.

Piatti tipici

Fave e cicureddhe: cicorie salentine servite calde e accompagnate con un purè di fave, il tutto irrorato con olio extravergine d’oliva della zona per esaltare al massimo i sapori.

La Tajèddha: tiella con patate salentine, zucchine e cozze; piatto nato nel periodo di dominazione spagnola in Salento, si cuoce in forno a 220 °C e si aggiunge una spolverata di pecorino grattugiato alla fine.

Il pasticciotto: dolce tipico del Salento, composto da pasta frolla (si usa però strutto e non burro) farcita di crema pasticcera e cotto in forno; ricorda un plumcake ripieno di crema.

Curiosità

La Puglia ha il record per il più grande falò d’Europa. Ogni anno, nel mese di gennaio, nel piccolo centro di Novoli, a 11 km da Lecce, si organizza la Fòcara di Novoli, evento antichissimo datato 1664, che nacque con l’ufficializzazione del culto e la scelta di Antonio Abate come protettore di Novoli. Il Festival della Fòcara è considerato il falò più grande d’Europa e del Mediterraneo e attira ogni anno migliaia di persone, che accorrono per assistere al culto del fuoco. Il rustico leccese si differenzia dagli altri omologhi pugliesi per la presenza della besciamella tra gli ingredienti principali, forse un lascito della dominazione Angioina.

le dieci ragioni per visitare Salento

Godere delle meravigliose spiagge del Salento
1

Rilassarsi in una delle tante splendide spiagge come Le Maldive del Salento e Punta Prosciutto

Stupirsi della bellezza del barocco di Lecce
2

Ammirare il barocco di Lecce passeggiando in città

tamburello ballare la pizzica
3

Scatenarsi nei balli popolari della pizzica e della taranta

Leccarsi i baffi dopo aver mangiato pittule e i pasticciotti
4

Gustare uno dei tanti gustosi farinacei come le pittule e i pasticciotti

Scatenarsi nella movida di Gallipoli
5

Ballare fino all'alba nelle feste in spiaggia o nei locali di Gallipoli

Visitare il bellissimo borgo di Otranto
6

Scoprire a piedi l'affascinante borgo di Otranto

Immergersi nella natura di Torre Guaceto
7

Scoprire la flora e la fauna dell'oasi naturalistica di Torre Guaceto

Degustare i vini Primitivo di Manduria e Negramaro
8

Inebriarsi dei profumi e dei sapori dei vini Primitivo di Manduria e Negramaro

L'incontro dei due mari a Santa Maria di Leuca
9

Ammirare l'abbraccio tra il Mar Adriatico e lo Ionio a Santa Maria di Leuca

Perdersi nella storia delle masserie rurali
10

Rilassarsi in una delle masserie rurali e storiche

Ti potrebbero piacere

Si è verificato un errore.
Se vuoi, puoi provare nuovamente.