Metaponto-Piccole-Dolomiti-Lucane-1920x700
Cerca
Check in
Check out

Camera 1

- +
- +

Aggiungi camera

Camera 2

- +
- +

Aggiungi camera

Camera 3

- +
- +

Aggiungi camera

Camera 4

- +
- +

A/R Solo andata
Adulti
(12+)
Bambini
(2-11)
Neonati
(0-23m)
Andata il
Ritorno il
Partenza
Ritorno

Camera 1

- +
- +

Aggiungi camera

Camera 2

- +
- +

Aggiungi camera

Camera 3

- +
- +

Aggiungi camera

Camera 4

- +
- +

Metaponto & Piccole Dolomiti Lucane

Come arrivare

In aereo

L’aeroporto più vicino alla costa ionica lucana è quello di Bari Palese (BRI), che dista da Metaponto 114 km. Più o meno equidistante anche l’aeroporto di Brindisi (BDS). Entrambi collegati con le low cost Ryanair, easyJet e le compagnie principali come Alitalia.

In auto

Percorrendo la A14 dall’Adriatico, superare Bari e proseguire fino a Palagianello, quindi imboccare la SS 7 per un brevissimo tratto e infine la SS 106 fino a Metaponto. Dal Tirreno prendere l’A2 (ex A3) Salerno-Reggio Calabria ed uscire a Sicignano, proseguire fino a Potenza e poi per Metaponto con la SS 407 Basentana.

In treno

Per chi arriva in treno da Milano, esiste un collegamento ad alta velocità sulla linea Milano-Taranto verso la stazione di Ferrandina Scalo. Metaponto si trova a 40 km in macchina dalla stazione.

In pullman

Numerose sono le autolinee private che collegano le località della costa ionica con altre regioni. Si segnala in particolare la Saj, che collega Nova Siri, Policoro e Scanzano con Milano, Bologna, Firenze, Genova, Torino.

Via mare

Il porto turistico di riferimento è quello degli Argonauti nella Marina di Pisticci, accessibile solo con barche private.

Come muoversi

In auto

Si consiglia di noleggiare un’automobile per visitare le tante spiagge della costa ionica, i siti archeologici e le oasi naturalistiche. Le quattro ruote sono lo strumento più immediato per raggiungere dal mare anche le Piccole Dolomiti Lucane e i deliziosi borghi di Montalbano Ionico e Craco.

In autobus

Le autolinee Sita Sud collegano le località montane come Accettura con Matera e Matera con Bernalda e la frazione marina di Metaponto. Da Bernalda si raggiungono tutte le località della costa fino a Nova Siri con le autolinee Chiruzzi.

In bici

In questa destinazione ci sono diversi percorsi per gli amanti delle due ruote. Il percorso di 57 km da Accettura a Castelmezzano e quello da Matera a Metaponto sono due splendide occasioni per visitare la Basilicata in modo sostenibile.

Periodo consigliato

Primavera

In questa terra segreta ancora da scoprire la primavera è la stagione magica dei profumi e dei colori. La montagna accoglie i curiosi con temperature gentili e panorami mozzafiato, regalando indimenticabili percorsi ed esperienze. A maggio, per esempio, ad Accettura si tiene il ‘matrimonio degli alberi’ e innumerevoli sono gli antichi riti di benvenuto alla bella stagione nelle Dolomiti Lucane. In questi mesi è bello anche girare tra i tanti borghi alla scoperta delle eccellenze del territorio.

Estate

È d’estate che le lunghe spiagge di sabbia fine da Nova Siri a Policoro diventano una delle mete più desiderate dai turisti. Tra bagni al largo, veleggiate e sport, nessuno rinuncerebbe mai a una simile occasione. E per ripararsi dal caldo niente di meglio che regalarsi una passeggiata nelle oasi umide e nei boschi, decisamente più freschi. La sera in spiaggia si balla e numerosi sono gli eventi che animano la movida della costa ionica. Tra questi a Pisticci l’imperdibile Lucania Film Festival, il più importante festival cinematografico internazionale della Basilicata.

Cosa mettere in valigia

Scarpe comode per visitare i borghi, scarponcini per le escursioni in riva al fiume, dove i sassi spesso possono essere scivolosi, binocoli per il dolphin watching e cappello a falde larghe per la visita ai siti archeologici della Magna Grecia. Tessuti naturali e leggeri restano il bagaglio più indicato per viaggiare comodi in una regione che, specie nei mesi estivi, sa essere davvero calda. Tenete a portata di mano smartphone e penna, per selfie e autografi, se siete a spasso per Bernalda: non è escluso possiate ritrovarvi a tu per tu con il grande Francis Ford Coppola o con sua figlia Sofia.

Budget

Dormire

In questa destinazione ci sono strutture ricettive per tutti i gusti. Dal sontuoso Palazzo Margherita di Bernalda, trasformato in resort extralusso da Mr. Coppola (1.000€ a notte in alta stagione), alle esclusive masserie fortificate, i b&b e gli affittacamere nei borghi o sul mare, come per esempio a Policoro, dove si dorme a partire da 35€ a notte in alta stagione.

Mangiare

Tra macellerie che sfornano per pochi euro autentiche delizie a base di carne equina (da provare l’Equineria da Mimmo a Bernalda), trattorie e ottimi ristoranti di pesce come la Trattoria La Locandiera, nella costa ionica ce n’è davvero per tutti i gusti. Prevalentemente limitata alla cucina casalinga e ai piatti di terra l’offerta consigliata nelle trattorie delle Piccole Dolomiti Lucane. A Tricarico, per esempio, troverete ottimi ristoranti con menu completi a partire da 10€.

Muoversi

Con Trenitalia in 32 minuti si arriva da Nova Siri, al confine con la Calabria, a Metaponto, con un biglietto di 2,30€.

Piatti tipici

Sarde arraganate: sarde condite con origano (per questo sono chiamate così) e mollica di pane.

Gnummareddi: involtini con interiora di agnello e capretto protagonisti di un’indimenticabile scena del film Basilicata coast to coast.

Cuccia: zuppa tipica di Castelmezzano, a base di grano, ceci, cicerchie e fave. Gli ingredienti vengono fatti bollire in un grande calderone di creta e serviti in un grande pranzo comunitario il 13 dicembre, giorno della festa di Santa Lucia.

Curiosità

A Guardia Perticara è stato girato il film Cristo si è fermato a Eboli.

Nello straordinario habitat protetto dell’Oasi Wwf Bosco Pantano di Policoro è stata avvistata la foca monaca, animale rarissimo un tempo molto comune nel Mediterraneo.

Pietrapertosa, paese presepe a oltre 1.000 metri di altitudine, circondato da picchi rocciosi, custodisce una casbah saracena ai piedi della fortezza normanna, l’Arabata.

Nella Rabatana di Tursi si può visitare la casa natale di Albino Pierro, tra i più grandi poeti italiani del ‘900, più volte candidato al Nobel.

Sull’etichetta dell’Amaro Lucano è raffigurato l’abito tradizionale delle donne di Pisticci, la cosiddetta ‘pacchiana’.

le dieci ragioni per visitare Metaponto & Piccole Dolomiti Lucane

volo dell'angela in basilicata
1

Provare l’ebbrezza del Volo dell’Angelo tra Pietrapertosa e Castelmezzano

Foto tratta da Basilicataturistica.it
spiaggia di metaponto
2

Abbronzarsi nelle spiagge di Policoro e Metaponto

Craco, uninhabited village paese fantasma
3

Perdersi tra le vie deserte del paese fantasma di Craco

guglie delle piccole dolomiti lucane
4

Scoprire la flora e la fauna tra le guglie naturali delle Piccole Dolomiti Lucane

panorama sul mar jonio
5

Godersi la vista sul Mar Ionio dal borgo di Bernalda, patria originaria del regista Francis Ford Coppola

Metaponto archeologica Tavole Palatine
6

Stupirsi davanti alle imponenti colonne delle Tavole Palatine

tramonto in barca a vela sullo jonio
7

Esplorare la costa ionica in barca a vela partendo dal Porto degli Argonauti

Mediterranean sea at Policoro
8

Ammirare la foresta di latifoglie nell’oasi Wwf Bosco Pantano di Policoro

spiagge marina di pisticci
9

Rilassarsi nel fascino incontaminato delle spiagge selvagge di Marina di Pisticci

borgo circolare di rotondella in basilicata
10

Perdersi nel labirinto di vicoli circolari di Rotondella

Foto tratta da Basilicataturistica.it

Ti potrebbero piacere

Si è verificato un errore.
Se vuoi, puoi provare nuovamente.