Castle of Montaldo Dora ivrea
Cerca
Check in
Check out

Camera 1

- +
- +

Aggiungi camera

Camera 2

- +
- +

Aggiungi camera

Camera 3

- +
- +

Aggiungi camera

Camera 4

- +
- +

A/R Solo andata
Adulti
(12+)
Bambini
(2-11)
Neonati
(0-23m)
Andata il
Ritorno il
Partenza
Ritorno

Camera 1

- +
- +

Aggiungi camera

Camera 2

- +
- +

Aggiungi camera

Camera 3

- +
- +

Aggiungi camera

Camera 4

- +
- +

Ivrea & Canavese

Come arrivare

In aereo

L’aeroporto Sandro Pertini (TRN) di Caselle Torinese è servito da compagnie di bandiera e low cost (Alitalia, Air France, easyJet, Ryanair). Dista circa 50 km da Ivrea e 80 km da Biella.

In auto

Sull’autostrada A5 Torino-Aosta si trova il casello per uscire a Ivrea. Da Milano imboccare l’autostrada A4 Milano-Torino fino al raccordo A4-A5 Santhià-Ivrea e proseguire sull’A5 in direzione Aosta fino all’uscita di Ivrea.

Per raggiungere Biella da Torino prendere l’autostrada A4, uscire a Santhià, svoltare sulla SS143 fino all’ingresso in città. Da Milano prendere l’autostrada A4, uscire a Carisio, poi imboccare la SS230 in direzione Biella. Da Genova, dall’Emilia Romagna e dalle regioni del Centro-Sud, raggiungere Vercelli e poi imboccare la SS230 Vercelli-Biella.

In treno

Ivrea si trova sulla tratta Torino-Aosta. La stazione di Biella è servita da collegamenti regionali con Novara.

In autobus

A Ivrea si arriva con i collegamenti gestiti da Sadem: Torino-Ivrea e Milano-Ivrea. Collegamenti Atap con Vercelli per Biella.

Come muoversi

A piedi

Il centro storico di Biella si gira comodamente a piedi.
Ivrea si trova in una zona di notevole interesse naturalistico, ideale per piacevoli escursioni nei boschi circostanti. Da non perdere una visita al Museo a cielo aperto dell’Architettura Moderna, il Mam.

In auto

I mezzi di trasporto funzionano bene, perciò la macchina non è indispensabile, ma può essere utile per muoversi in autonomia tra le varie località del Canavese.

In autobus

Gtt gestisce il servizio a Ivrea con 6 linee urbane. A Biella sono presenti autobus urbani ed extraurbani della compagnia Atap, molto efficienti, che dalla periferia portano al centro e nelle località limitrofe. È inoltre presente una funicolare che porta da Biella Piano a Biella Piazzo, il borgo medievale della città.

Periodo consigliato

Primavera

Da non perdere la fioritura primaverile della conca dei rododendri nel Parco Burcina a Biella e un tour tra i castelli: il Castello di Ivrea, dalle rosse torri; il Castello e Parco di Agliè, residenza sabauda del XII secolo; il Castello di Masino, che domina la pianura canavesana.

Estate

L’estate nel Canavese prevede un calendario ricco di eventi: musica, sport, danza, spettacoli teatrali e mercatini. Immersi nella natura, sarà il top fare un tuffo nel Lago Sirio, tra Ivrea e Chiaverano, dove troverete una spiaggia libera.

Inverno

Chi ama gli sport di montagna potrà sciare sulle Alpi piemontesi. Per chi invece preferisce una vacanza all’insegna della cultura, sono numerosi i musei da visitare: il Museo Etnografico e degli Antichi Mestieri a Pont Canavese, il Museo La Steiva a Piverone, il Museo Archeologico dell’Alto Canavese a Cuorgnè.
E assolutamente da non perdere lo storico Carnevale di Ivrea!

Cosa mettere in valigia

D’inverno il termometro scende spesso sotto lo zero e sono frequenti le nevicate, quindi attrezzatevi per combattere il gelo. In primavera e in estate il Canavese è abbastanza piovoso: non dimenticate di mettere in valigia un ombrello.
E se programmate il vostro viaggio per vivere l’entusiasmante Carnevale d’Ivrea, portate assolutamente con voi scarpe antiscivolo e impermeabili. Le vie del centro dopo la battaglia si riempiono di residui di arance, che, insieme alla sabbia, formano una poltiglia davvero scivolosa.

Budget

Dormire

Troverete b&b dai 30€ ai 60€ a notte. Il prezzo medio per dormire in un albergo 3 stelle a Biella è di 100€. A Ivrea invece spenderete mediamente 70€. Una suite nei romantici castelli immersi nel verde delle colline costa tra i 200€ e i 260€.

Mangiare

Il prezzo della famosa Torta 900 è di circa 35€ al kg. A Pollone merita una tappa il ristorante Il Patio, premiato con una stella Michelin, con la sua insolita ambientazione in vecchie stalle, dove il menu degustazione costa 55€-60€. A Caluso, invece, il ristorante stellato Gardenia propone menu a partire da 25€ a pranzo in settimana, mentre normalmente à la carte il prezzo va dai 60€ ai 100€.

Muoversi

Un biglietto Gtt urbano costa 1,50€ ed è valido 90 minuti. Con Atap un biglietto ordinario valido 60 minuti costa 1,20€; per la funicolare di Biella si spendono 1,80€ andata/ritorno.

Piatti tipici

Faseuj grass: in italiano ‘fagioli grassi’, è un piatto tipico dell’intero Canavese. Uno stufato di fagioli cotti nelle tofeje, recipienti tondi di terracotta, con maiale e salamella speziata. Richiede moltissimo tempo per la preparazione, ma il risultato è una cremosa e gustosa zuppa, che viene accompagnata con il vin brulé.

Supa mitunà: piatto tipico del Biellese, ha come ingrediente principale la principessa della cucina canavesana, la rustica verza. Una zuppa molto sostanziosa e saporita, fatta con pane raffermo, brodo e formaggio. La verza la ritroviamo anche negli ottimi caponet, involtini ripieni di carne.

Torta 900: un golosissimo dolce al cioccolato la cui ricetta è segreta, da assaggiare nella Pasticceria Balla di Ivrea. Consiste in due soffici dischi al cacao farciti poi da una delicata crema al cioccolato e decorati da una spolverata di zucchero a velo.

Curiosità

Leggenda vuole che una giovane mugnaia di Ivrea, Violetta, fresca sposo di Toniotto, si rifiutò di sottostare allo ius primae noctis reclamato dal tiranno della città e lo uccise, scatenando così una rivolta popolare. La famosissima Battaglia delle Arance rievoca questo episodio. Il popolo è rappresentato da 9 squadre di aranceri a piedi: Picche, Morte, Tuchini, Scacchi, Pantere, Arduini, Diavoli, Mercenari e Credendari. La battaglia a colpi di arance viene combattuta contro i soldati del tiranno che si muovono sui 50 carri trainati dai cavalli. I quintali di agrumi utilizzati diventano poi concime per le valli canavesane.

Gli abitanti di Ivrea si chiamano ‘eporediesi’, perché l’antico nome romano della città era Eporedia.

le dieci ragioni per visitare Ivrea & Canavese

castello dalle torri rosse di ivrea
1

Passeggiare nel centro storico di Ivrea, sulla collina che porta al Castello dalle rosse torri e al Duomo

santuario di oropa
2

Visitare il Santuario di Oropa, Patrimonio Unesco, il più importante santuario mariano delle Alpi, a 1.200 metri d’altezza

portici piazzo di biella
3

Scoprire il quartiere medievale del Piazzo a Biella, raggiungibile tramite una caratteristica funicolare

lago di viverone nel canavese
4

Esplorare il Lago di Viverone in battello

macchina da scrivere olivetti
5

Ripercorrere la storia della Olivetti nel museo dedicato, ammirando le macchine da scrivere che hanno fatto la storia

barco della burcina ivrea
6

Rilassarsi nel bel Parco della Burcina, tra Biella e Pollone

ricetto di candelo
7

Visitare il Ricetto, struttura fortificata tardo-medievale a Candelo, tra i Borghi più belli d’Italia

shopping tessuti biella
8

Dedicarsi allo shopping a Biella, famosa per l’antica tradizione tessile

panorama laghi di ivrea
9

Fare trekking o pedalare nei sentieri dei 5 laghi di Ivrea: Lago San Michele, Lago Sirio, Lago Pistono, Lago Nero e Lago Campagna

sport invernali sulla neve a traverselle
10

Divertirsi in famiglia a Traversella, con impianti di risalita, piste da fondo, percorsi per l’arrampicata sportiva e una frequentata palestra di roccia

Ti potrebbero piacere

Si è verificato un errore.
Se vuoi, puoi provare nuovamente.